16/03/2020

#corvallisnonsiferma

In un momento delicato come questo, di continua emergenza sanitaria, Corvallis non si è fermata.
 
Ha portato gran parte del personale a usufruire della modalità di lavoro agile, riducendo così la presenza fisica nelle nostre sedi, e i relativi spostamenti. Al momento abbiamo in media il 50% dei lavoratori in lavoro agile, con punte dell’80% nell’area IT. Per raggiungere questi obiettivi, che intendiamo migliorare ulteriormente, abbiamo fatto uno sforzo importante in termini di dotazione di strumenti tecnologici, di infrastrutture informatiche e di strumenti di sicurezza.
 
Non è stato semplice. Il Gruppo Corvallis ha oltre 1.600 dipendenti distribuiti in sedi e filiali su tutto il territorio nazionale, ma il fatto stesso di essere un’azienda di Information Technology ci sta aiutando, perché abbiamo una naturale predisposizione per la digitalizzazione dei processi di lavoro e per l’implementazione di procedure di emergenza.
 
Abbiamo inoltre istituito una squadra d’emergenza, attiva 24 ore su 24, per intervenire sia nelle situazioni di rischio per la salute del personale, sia  per gestire potenziali interruzioni dei servizi. Nel contempo, abbiamo scelto di ridistribuire il personale su commesse diverse, in modo da avere sempre risorse di riserva pronte a intervenire per non creare interruzioni nel lavoro. 
 
Tutte queste misure dimostrano il nostro impegno nel garantire la continuità dei servizi ai nostri Clienti e nel tutelare, in modo responsabile, la salute dei nostri lavoratori.
 

Questo sito utilizza cookie, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi.
Per saperne di più sui cookie e su come controllarne l'abilitazione, accedi alla Cookie Policy.

Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.

 
Accetto