Collaborazioni Scientifiche

Per quanto attiene alle collaborazioni scientifiche gli Organismi di ricerca con cui l’Azienda collabora sono:

Università di Verona per la realizzazione di un tool di interpretazione semantica e non solo sintattica, che consente la verifica formale e automatica delle applicazioni sviluppate nei linguaggi avanzati Java e Android, identificando errori e bug, inefficienze o cattive pratiche di programmazione;
 
Università di Trento per la verifica dell'autenticità di una firma confrontando la sua immagine grafica con altre immagini campione precedentemente depositate attraverso innovativi algoritmi e classificatori che consentano un efficace confronto tra immagini rappresentanti firme autografe;
 
Università di Catania e di Messina per la progettazione e realizzazione di interfacce software con innovativi biosensori per la diagnosi in vitro;

Politecnico di Torino e Università di Catania per lo studio e la realizzazione di una piattaforma per il monitoraggio dello “stato di salute” di strutture in calcestruzzo attraverso un sistema sensoristico di misura dello stato tensionale nelle strutture;

Fondazione Bruno Kessler e Università di Bologna per lo studio di tecniche e strumenti di modellazione 3D;

Università del Salento per la progettazione e realizzazione di un sistema di costruzione di modelli 3D tramite l’approccio fotogrammetrico;

Politecnico di Bari per la progettazione di un Sistema di Named Entity Recognition and Classification, la realizzazione di innovativi algoritmi di analisi territoriale e di algoritmi per il Business Process Modeling semantico.

Nel corso del 2016 ha inoltre attivato nuove collaborazioni scientifiche con:

Consorzio Interuniversitario Nazionale per l’Informatica (CINI), centro italiano di competenza per lo sviluppo di conoscenze e tecnologie nei settori dei Big Data e della Data Science, ritenuti di importanza strategica nei processi decisionali di imprese ed agenzie governative, nello studio di comportamenti sociali su larga scala, e nella soluzione di problemi scientifici complessi;

Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari (CIHEAM-IAMB), organizzazione intergovernativa fondata nel 1962 sotto il patrocinio dell’OECD e del Consiglio d’Europa, che ha la missione di promuovere la cooperazione multilaterale nei settori dell’agricoltura, della pesca e dello sviluppo rurale attraverso formazione, ricerca e networking;

Torino Wireless, che coordina il Cluster Tecnologico Nazionale per le Smart Communities. Il Cluster Tecnologico Nazionale per le Smart Communities è una rete nazionale di attori territoriali, industriali e di ricerca che collaborano e sviluppano progetti di innovazione per rispondere alle sfide sociali delle moderne comunità. SmartCommunitiesTech aggrega nove regioni italiane con oltre 100 imprese e centri di ricerca coinvolti sui primi quattro grandi progetti R&D finanziati dal MIUR per circa 39 milioni di euro di investimento.

Universita' di Bologna, University of York Vilniaus Gedimino technikos universitetas, Anotati Scholi Kalon Technon, Instituto de ciencias sociais da universidade de Lisboa, Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Ss. Cyril and Methodius University in Skopje, nell’ambito di un progetto europeo Horizon 2020.
 

Questo sito utilizza cookie, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi.
Per saperne di più sui cookie e su come controllarne l'abilitazione, accedi alla Cookie Policy.

Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.

 
Accetto